I principi chiave del Metodo Montessori

Il metodo Montessori supporta lo sviluppo olistico del bambino attraverso un equilibrio armonico tra il bambino, l’ambiente e l’adulto.

Di seguito andremo ad analizzare alcuni dei principi fondamentali di questo metodo pedagogico per incoraggiare il bambino ad essere indipendente nelle sue esplorazioni, continuando a supportarlo emotivamente nelle sue scoperte all’interno di un ambiente ordinato che possa motivarlo e stimolarlo. 

Segui il bambino

Osserva il tuo bambino, affinché sia lui a mostrarti i propri interessi, trovando attività che possano rispondere alle sue curiosità, cercando di coinvolgerlo quanto più possibile nelle attività di tutti i giorni; per esempio fare il bucato, preparare la tavola, pulire la casa, il giardinaggio, fare la spesa, ecc. 

Esplora

E’ importante che gli venga concessa la possibilità di esplorare l’ambiente, di sbagliare e poter imparare attraverso i suoi errori, facendo nuove scoperte.

A tua volta esplora i pensieri del tuo bambino, coinvolgendolo in conversazioni che abbiano domande aperte e che gli consentano di condividere i propri pensieri. Per esempio, di fronte ad un disegno anziché dire “woow, che bello! Bravo!”, prova a dire “molto interessante, raccontami cos’hai disegnato!”.  

Empatizza

Cerca di capire le emozioni del tuo bambino e usa le parole per mostrare empatia e comprensione: per esempio “Vedo che sei molto frustrato in questo momento”, ascoltando le sue ragioni “ti andrebbe di dirmi cosa è successo?”.

Con bambini più piccoli è importante introdurre fin da subito un linguaggio descrittivo che possa fornire nuovi vocabolari non solo per la comprensione delle emozioni, ma anche per lo sviluppo della comunicazione verbale e non verbale

Aiutami a fare da solo

Diventa promotore della sua indipendenza creando un’ambiente stimolante che possa regalare opportunità per l’apprendimento e per il supporto della sua autostima insieme ad un senso d’appartenenza e di competenza.

Se un’ambiente a misura di bambino favorisce il suo movimento ed indipendenza, la tua fiducia lo aiuterà a costruire la giusta autostima per un’esplorazione libera.  

Photo by Jonathan Borba from Pexels

Ordine

Affinché il bambino possa avere un ordine mentale, bisognerà offrire degli spazi che siano ordinati esteriormente attraverso un approccio minimalista: semplice, accessibile, ordinato e logico.

Per supportare la creazione di un’ambiente rilassante sarà anche meglio optare per dei materiali naturali come il legno e varietà di stoffe che possano creare un’esperienza sensoriale e visibilmente armoniosa.

E’ importante infatti considerare la bellezza degli spazi arricchendoli con piante ed opere d’arte all’altezza visiva del bambino.

Libertà di scelta

Maria Montessori credeva che la motivazione spingesse il bambino ad esplorare un’attività e che attraverso il controllo delle sue scelte il bambino potesse sentirsi più motivato.

Un’ambiente che consenta al bambino di scegliere indipendentemente le proprie attività supporterà la sua autostima e la sua concentrazione.

Lasciate al bambino il tempo di esplorare le attività disponibili e solo quando queste non saranno più interessanti e quindi non utilizzate, sostituitele con nuovi materiali; ricordandosi, sempre, che “less is more” e che un numero ridotto di attività permetterà al bambino di concentrarsi maggiormente senza sentirsi sovra-stimolato.