Porlezza e Lago del Piano

Fuggire dalla calura della Pianura è uno dei principali obiettivi di questo periodo, almeno per molti di noi. Il fatto è che non è sempre facile scegliere una meta, sopratutto quando si hanno bambini piccoli.

Ecco allora una soluzione che può accontentare un po’ tutti: Porlezza (Co).

Porlezza è una ridente cittadina, adagiata sulle sponde del Lago di Lugano (o Ceresio). Potete arrivarci sia attraverso la Svizzera, costeggiando il Ceresio da Lugano, in direzione nord-est, sia restando in territorio italiano, percorrendo la Strada statale 340 Regina fino ad Argegno per poi attraversare la Val d’Intelvi, oppure fino a Menaggio da dove parte la deviazione per Porlezza passando per l’omonima valle.

Non è troppo lontana, non è troppo difficile da raggiungere, offre fresco, acqua in cui immergersi e spiaggia in cui rilassarsi. Se avete a disposizione l’intero fine settimana, sono presenti numerosi campeggi a bordo lago in cui pernottare.

In paese sono presenti diverse spiagge, una è ad accesso completamente libero ma risulta attrezzata  dove è possibile noleggiare i lettini e usufruire delle docce (si chiama Panama Beach e per raggiungerla dovete lasciare l’auto presso il parcheggio del Villaggio Letizia), oltre ad avere un piccolo punto bar. L’altra invece è completamente libera e non organizzata.

Quando siete stufi della spiaggia, potete comodamente spostarvi di poche centinaia di metri (leggi: non serve spostare la macchina!) e lasciare i bambini a giocare al parco giochi adiacente (spesso in ombra) oppure a quello sito sul lungo lago (assolutamente sempre assolato). Portatevi del pane secco, i cigni ne saranno felici! Ultimo, ma non meno importante: nel grazioso centro storico c’è una gelateria che merita di essere provata.

Se avete voglia di fare un’escursione, potete lasciare la macchina sul lungo lago, oppure, per risparmiare un pochino di strada, parcheggiarla all’altezza del Ipermercato Iperal e camminare poi fino al Lago del Piano, un piccolo lago situato in val Menaggio, all’interno dell’omonima oasi naturalistica.

Sulle sponde del lago sorgono numerosi campeggi che, in periodo estivo, sono frequentati da turisti principalmente olandesi e tedeschi (perciò sappiate che se trovate troppo caotici i campeggi di Porlezza, questi sono più tranquilli). Una volta raggiunto il lago potete fermarvi subito all’inizio e visitare il Centro Parco, oppure camminare ancora un po’ e scegliere una spiaggetta in cui fermarvi. Non esistono aree attrezzate ma il lago è balneabile perciò portatevi asciugamano, costume e crema solare!