Arrivano i dinosauri alla Fabbrica del Vapore

A casa nostra i dinosauri fanno parte della quotidianità: tra giocattoli e libri, non passa giorno in cui non si parli di loro. E non solo del famosissimo T-Rex, ma anche di tutti i suoi compagni: il brontosauro, lo stegosauro, l’apatosauro e via dicendo. 

Così, quando abbiamo scoperto che a Milano era arrivata una mostra interattiva, proprio sui dinosauri, non ce la siamo fatta sfuggire sopratutto perché la gita al Parco della Preistoria, la scorsa estate, era stato un vero successo tra i bambini!

Dinosaur Invasion: i giganti del passato tornano in vita

La mostra altro non è che un vero e proprio parco giurassico a grandezza naturale: sono presenti oltre 30 dinosauri, tutti a grandezza naturale (il che vuol dire che scoprirete che ce n’erano anche di piccolissimi!) da vedere nel proprio ambiente ricreato con cura. E’ un viaggio del tempo a ritroso: si parte dall’Era Mesozoica – circa 250 milioni di anni fa – passando per il periodo Triassico, Giurassico e Cretaceo in cui la Terra era molto diversa da quella di oggi.

I dinosauri sono esposti in 17 scenografie diverse, complete di vegetazione ed effetti speciali luminosi e “rumorosi“. A rendere ancora più realistica la mostra c’è il fatto che molti esemplari sono anche in movimento, grazie alla tecnologia degli animatronics, sistemi tecnologici e robotici in grado di “dare vita” al dinosauro.

Se volete approfondire e rendere la mostra più didattica, è possibile utilizzare delle audio/video guide interattive (con le narrazioni di Alessandro Cecchi Paone) o, in alternativa, accanto ad ogni dinosauro è presente una dettagliata descrizione.

Facendo tutto il percorso con l’audio guida o leggendo ogni cartellone, ci metterete un’oretta a farla tutta. Se la percorrete a passo normale, soffermandovi solo ad un’osservazione più superficiale, il tempo potrebbe anche dimezzarsi (se non di meno).

Prezzi, orari e info utili

I biglietti di ingresso alla mostra Dinosaur Invasion alla Fabbrica del Vapore di Milano costano 13 euro; ci sono poi i biglietti ridotti (10 euro) per bambini dai 3 ai 12 anni, over 65 e studenti; mentre i bambini sotto i 90 cm di altezza entrano gratis.

La mostra è visitabile in orario 10.00-19.30 dal martedì alla domenica (dall’8 dicembre al 6 gennaio è aperta tutti i giorni nel medesimo orario; la biglietteria chiude sempre alle ore 18.30). Per maggiori informazioni vi consiglio comunque di chiare il 02 6597728.

La nostra impressione sulla mostra

Siamo entrati alla mostra carichi di entusiasmo e la prima difficoltà l’abbiamo avuta subito in ingresso: la mostra è molto buia, piena di luci colorate e i versi degli animali, ad un bambino, possono apparire piuttosto spaventosi. Se sapete che i vostri bambini hanno delle difficoltà con uno di questi elementi, preparatelo prima di entrare.

I dinosauri sono si tanti, ma se pensate di non usare l’audio guida o non soffermarvi ad approfondire le varie infografiche, la mostra la girate davvero in pochissimo tempo e visto il costo.. fateci su una riflessione!

Le animazioni sono interessanti, ma non tutti i dinosauri sono animati e i movimenti sono piuttosto limitati, non aspettatevi una specie di Jurassic Park in 3D perché non è affatto così. Nel complesso è comunque uno spettacolo.. impossibile da vedere altrimenti!

Alla fine della mostra è presente un’area gioco dove i bambini possono improvvisarsi archeologi e andare alla ricerca di ossa giganti.. peccato che non sia custodita e non ci sia nessuno che aiuti i bambini a giocare (almeno quando siamo andati noi), il che rende la cosa piuttosto caotica e i litigi tra bambini sono dietro l’angolo. 

Sono a disposizione anche diversi tavoli in cui fare i calchi dei dinosauri con fogli e pastelli a cera, preparatevi a portare a casa un intero album da sfogliare poi con calma!