Elf on the Shelf: la nuova tradizione di Natale

L’Elf on the Shelf (o italianizzando la cosa, l’Elfo sulla mensola) è una tradizione natalizia che riguarda gli Elfi Esploratori che, ogni giorno, vanno a casa dei bambini e li “spiano” per poi tornare nottetempo a riferire il tutto a Babbo Natale, direttamente al Polo Nord.

Gli Elfi entrano in casa attraverso una porta magica, nella tradizione italiana il primo dicembre, e giorno dopo giorno combinano piccoli dispetti o fanno piccoli doni ai bambini che abitano in quella casa, a seconda di come si sono comportati.

Ovviamente, essendo Elfi sono anche dotati di poteri magici: quando sono nelle nostre case hanno le sembianze di un normale pupazzo ma, mentre i bambini sono fuori casa o dormono, si muovono indisturbati, per questo motivo, ogni mattina i bambini troveranno l’elfo in un posto diverso della casa.

Gli Elfi, è noto, sono anche piuttosto dispettosi quindi capiterà spesso che al risveglio i bambini scoprano che non solo gli Elfi si sono mossi nella notte, ma hanno anche combinato piccoli pasticci in giro per la casa!

Per rendere speciale la permanenza dell’Elfo in casa ci sono poche e semplici regole da rispettare: gli Elfi arrivano attraverso una porta magica e sia la porta che l’Elfo non possono mai essere toccati, pena la perdita della polvere magica che permette all’Elfo di spostarsi liberamente tra casa vostra e il Polo Nord.

L’Elfo non arriva da solo ma accompagnato da un libro, che racconta un po’ le sue vicissitudini e che aiuta i bambini ad entrare nella magia di questo piccolo rito natalizio. La tradizione è americana e, ovviamente, in inglese ci sono tonnellate di libri che parlano dell’Elf on the Shelf. Il libro in italiano che si avvicina maggiormente a questa tradizione si intitola “Che la magia abbia inizio: … Attenzione elfo in arrivo“. Il libro, così come l’originale americano, prepara i bambini all’arrivo dell’elfo, dettando le semplici regole del gioco.

Altra cosa molto importante, nella tradizione dell’Elf on the Shelf, è il nome: ogni Elfo ne ha uno e il primo compito dei bambini è quello di trovarne quello giusto per il proprio!

L’Elfo, come tutte le magie che vivono intorno al periodo natalizio, tornerà al Polo Nord nella notte di Natale, sparendo insieme alla porta magica e al libro: i bambini, per poterlo rivedere, dovranno attendere il primo dicembre dell’anno successivo!

Elf on the shelf: le migliori idee

La tradizione in sé è molto carina anche se, occorre davvero un sacco di fantasia per tenere i bambini al gioco per ben 24 giorni, per questo per prima cosa vi consiglio di iscrivervi al gruppo Facebook dedicato: La Magia dell’Elfo (e non solo), vi potrà aiutare tantissimo a trovare nuovi spunti e idee per rendere l’Elfo di giorno in giorno più dispettoso e divertente!

Se non siete fan di Facebook e preferite Instagram, vi consiglio di seguire gli hastag #elfontheshelf e #elfontheshelfideas per farvi ispirare mentre non dimenticatevi di postare i vostri Elf on the Shelf usando anche gli # #elfontheshelfitaly e #elfontheshel2020

Ultimo ma non meno importante: in commercio esistono anche diversi kit che vi aiutano nel “travestire” l’Elfo e adeguarlo al setting che avete immaginato di creare nel tempo di permanenza dell’Elfo a casa vostra, ve ne lascio qui una selezione:

Buon divertimento!