Coronavirus: tutto quello che c’è da sapere

Per quello che riguarda il Coronavirus, qui in Lombardia c’è una vera e propria situazione di emergenza, più o meno motivata.

Quello che serve, di solito, per tranquillizzare noi genitori è conoscere gli aspetti importanti che riguardano questa malattia, il modo in cui si trasmette e cosa posso fare per evitare che la malattia si diffonda ulteriormente.

Coronavirus: che cos’è?

Come dice la parola stessa, è un virus, nello specifico uno di quelli che colpisce le vie respiratorie e che può causare malattie da lievi a moderate, ovvero dal comune raffreddore a sindromi respiratorie più importanti (come ad esempio la polmonite).

Il suo nome deriva da fatto che, se lo si guarda al microscopio, si possono notare delle punte a forma di corona presenti sulla loro superficie.

Solitamente questo tipo di virus infetta gli animali, ma già 6 ceppi oltre a questo, in passato, hanno infettato anche l’uomo.

Come riconosco il Coronavirus?

I sintomi più comuni sono simili a tante altre infezioni delle alte vie respiratorie, come il raffreddore:

  • naso che cola
  • mal di testa
  • tosse
  • gola infiammata
  • febbre
  • una sensazione generale di malessere.

A volte possono causare malattie del tratto respiratorio inferiore, come polmonite o bronchite. Fino ad ora questo tipo di infezione si è manifestata prevalentemente in persone che hanno già altre malattie a carico dell’apparato cardio-vascolare e/o respiratorio, e soggetti con un sistema immunitario indebolito, nei neonati e negli anziani.

E’ possibile fare una diagnosi certa di Coronavirus grazie ai test di laboratorio che vengono effettuati su campioni respiratori e/o siero. Al momento il test viene fatto solo in caso di malattia grave.

Come si trasmette il Coronovirus?

I coronavirus umani si trasmettono da una persona infetta a un’altra attraverso:

  • la saliva, tossendo e starnutendo;
  • contatti diretti personali;
  • le mani, ad esempio toccando con le mani contaminate (non ancora lavate) bocca, naso o occhi.

L’OMS ribadisce che il contatto con i casi sintomatici (ovvero persone che hanno contratto l’infezione e hanno già manifestato i sintomi della malattia) è il motore principale della trasmissione del nuovo coronavirus (noto come 2019-nCoV) e non è noto un altro mezzo di trasmissione.

Si stima che il periodo di incubazione vari in media tra 3 e 7 giorni e fino a un periodo massimo di 14 giorni.

Trattamento in caso di infezione da Coronavirus

Non esistono trattamenti specifici  per il Coronavirus, il che significa che, ad esempio, nessun antibiotico ha effetto sulla malattia e che tutti i farmaci che sono al momento disponibili sono “sintomatici ovvero servono solo per curare i sintomi (febbre, mal di testa, tosse..) in modo da favorire la guarigione. Nei casi più gravi potrebbe essere necessario anche un supporto respiratorio.

Prevenzione della diffusione del Coronavirus

Quello che possiamo fare, per evitare il continuo diffondersi del virus, è mettere in atto delle azioni preventive:

  • lavarsi spesso le mani (dopo aver tossito/starnutito, dopo aver assistito un malato, prima durante e dopo la preparazione di cibo, prima di mangiare, dopo essere andati in bagno, dopo aver toccato animali o le loro deiezioni o più in generale quando le mani sono sporche in qualunque modo). Bisogna lavarsi le mani accuratamente con acqua e sapone per almeno 20 secondi,  se non sono disponibili acqua e sapone, è possibile utilizzare anche un disinfettante per mani a base di alcol con almeno il 60% di alcol.
  • mantenere una certa distanza – almeno un metro – dalle altre persone, in particolare quando tossiscono o starnutiscono o se hanno la febbre, perché il virus è contenuto nelle goccioline di saliva e può essere trasmesso col respiro a distanza ravvicinata;
  • se si ha una qualsiasi infezione respiratoria coprirsi il naso e la bocca quando si tossisce e/o starnutisce (gomito interno/fazzoletto);
  • se si è usato un fazzoletto, buttarlo dopo l’uso;
  • non è raccomandato l’utilizzo di mascherine chirurgiche in assenza di sintomi.

Fonte: