Carpaccio di roastbeef: non la solita carne

La carne, in estate, non è tra gli alimenti che i bambini mangiano pù volentieri, eppure una quota di proteine di origine animale è sempre necessaria per garantire loro una dieta sana e variata.

La super fornitura di carne arrivata dalla Fattoria di Manny però conteneva uno dei tagli di carne che preferisco in assoluto: il roast-beef.

Il taglio di carne utilizzato per il roast-beef è tra i più pregiati del manzo: si usa infatti la lombata o controfiletto, la parte del bovino più grassa ricavata dalle zona dorsale delle prime costole (prime roast beef significa proprio questo), e la costata ricavata invece dal muscolo che avvolge le ultime costole della schiena. Si tratta quindi di un taglio assolutamente adatto per i bambini.

Carpaccio di roastbeef di manzo OB (Original Braunvieh)

Ingredienti

Per la marinatura:

  • 200 gr di carpaccio di manzo 
  • 1/2 bicchiere di vino bianco (io ho usato la Malvasia)
  • il succo di un limone
  • sale e pepe bianco
  • olio evo qb

Per la versione tradizionale:

  • 100 gr di rucola dolce
  • 100 gr di formaggio in scaglie (nel mio caso di latte di mucca OB Bruna Alpina Originale, sempre della Fattoria di Manny)
  • sale e pepe
  • olio evo qb

Per la versione estiva:

  • 1 pesca gialla soda
  • 20 g di senape in grani
  • sale e pepe
  • olio evo

Procedimento

  • per eseguire entrambe le ricette si parte facendo marinare la carne con un’emulsione degli ingredienti indicati nella marinatura;
  • quindi distribuite la carne in un contenitore largo e irrorate con l’emulsione per marinatura, sovrapponete un altro strato di fettine di carpaccio e irrorate nuovamente;
  • proseguite alternando strati di fettine di carpaccio all’emulsione fino ad esaurimento degli ingredienti. Lasciate riposare un’ora in frigorifero;
  • componiamo adesso le due versioni in modo molto semplice: per la versione più tradizionale ho semplicemente disposto su un piatto piano metà del carpaccio a disposizione e ho condito con rucola fresca, sale pepe e olio extravergine di oliva;
  • per la versione estiva – la mia preferita – ho pensato di abbinare a questa meravigliosa carne il tono dolce della pesca e quello più aromatico della senape: ho distribuito la metà rimasta di carpaccio su un piatto piano, condito con olio sale e pepe la carne, dopodiché ho coperto con una dadolata di pesca gialla bella soda e infine ho irrorato con senape in grani precedentemente condita con olio evo, sale e pepe.

Post in collaborazione con Alla Fattori di Manny: carne buona, genuina, di animali cresciuti liberi e allevati in montagna in armonia con la natura