Zaino scuola: come sceglierlo?

ergobag recensione

Anche se siamo ancora nel pieno delle vacanze, la nostra testa è già proiettata verso uno degli appuntamenti più importanti dei prossimi mesi: l’inizio della scuola primaria.

Oltre al carico emotivo che, sia noi genitori che i nostri bambini, stiamo vivendo in questi mesi, c’è anche un aspetto pratico non da poco: per la prima volta ci confrontiamo con zaini, astucci, diari, libri scolastici, buoni mensa.. insomma, tante novità da affrontare al meglio (e con una buona dose di pazienza!)

Da noi la scuola ha fornito un elenco generico di cose da procurarci per settembre, ovviamente, tra queste, spicca lo zaino. In rete ho letto di tutto, da bimbi che hanno accettato senza protestare lo zaino di seconda mano, a bimbi che hanno fatto capricci inenarrabili pur di avere lo zaino del personaggio preferito dei cartoni. E anche per quanto riguarda la spesa, ho trovato genitori che hanno fatto la corsa all’offerta speciale, portandosi a casa mille mila cose per pochi euro, a genitori che per la felicità del loro piccolo non hanno badato a spese.

Quali sono le cose importanti da tenere presente nella scelta dello zaino?

  • prima di tutto valutate il peso dello zaino da vuoto: se già è pesante da sollevare così, figuriamoci con dentro libri e quaderni! In generale il peso complessivo dello zaino non dovrebbe superare il 10%-15% del peso corporeo, Nicolò è magro ma “stagno” perciò risulta piuttosto pesante, ma se penso alle sue compagne di classe non posso certo dire lo stesso.. E comunque, nel nostro caso, lo zaino pieno non dovrebbe pesare più di 2,5-3 kg, mi viene già da ridere..
  • poi controllate il tessuto con cui è prodotto: deve essere il più possibile leggero ma al contempo resistente. Controllare la fattura delle cuciture e che gli orli siano chiusi o protette da una fettuccia, per evitare che si sfilaccino nel tempo;

ergobag prime

  • date un’occhio alla fattura degli spallacci: se sono troppo sottili, faranno sentire molto di più il peso dello zaino quando sarà super carico e provocheranno dolori a spalle, schiena e collo del vostro piccolo;
  • assicuratevi che ci sia uno schienale rinforzato o imbottito, così da distribuire al meglio il peso dello zaino su tutta le schiena e da impedire all’angolo del quaderno ad anelli di conficcarsi tra le scapole di vostro figlio;
  • premuratevi di controllare se ci sono sia la cintura addominale che quella pettorale e se hanno imbottiture: entrambe aiutano a fissare lo zaino al tronco del bambino e a scaricarne il peso;
  • fate attenzione anche alla grandezza dello zaino: io non lo sapevo, ma anche per gli zaini scuola ci sono diverse grandezze. Per i bambini della scuola primaria quelli da 24/26 lt vanno benissimo. Se potete, evitate quelli con la parte estensibile tramite zip: vero che diventano più capienti, ma fanno anche aumentare il peso in modo importante e lo allontano dalla schiena stessa creando uno sbilanciamento;
  • molti zaini oggi hanno le rotelle (tipo trolley): questo aumenta sicuramente il peso totale delle zaino. Per i primi anni di scuola non dovrebbero avere un carico tale di libri e quaderni da rendere necessario l’uso del trolley. Eventualmente questa può essere una opzione da valutare più avanti, prendendo un carrellino a parte, compatibile con lo zainetto.

ergobag prime

Come scegliere lo zaino giusto per la scuola primaria?

Ovvero: come trovare una via di mezzo tra lo zaino di pessima fattura ma con i suoi personaggi preferiti o lo zaino che piace a noi, ma che ai nostri figli genera solo crisi di pianto infine?

Io ho scelto di fare una prima ricerca senza farne parola con Nicolò: sono stata in qualche ipermercato, cartoleria, ingrosso per la scuola e poi, ovviamente ho cercato anche in rete. Una volta trovato lo zaino che racchiudeva in sé tutte le caratteristiche che ritenevo importanti per la schiena di mio figlio, ho lasciato a lui la scelta della fantasia. Devo ammettere che la scelta non è stata facile, in giro ci sono tantissimi zaini, anche di marche prestigiose, ma nessuna mi aveva convinto fino in fondo, finché non mi sono imbatutta in ergobag.

Perché ho scelto uno zaino ergobag?

Prima di tutto perché ergobag prime unisce le caratteristiche ergonomiche degli zaini da trekking più innovativi, alle qualità strutturali delle migliori cartelle per la scuola.

Come è possibile?

  • l‘ampia cintura lombare imbottita, sposta il carico del peso dalle spalle alla zona delle anche (che è più robusta);
  • la presenza delle barre in alluminio, danno molta stabilità e aiutano nella distribuzione del carico nella zona delle anche;
  • lo schienale traspirante imbottito si adatta alla colonna vertebrale in modo tale che la posizione dello zaino sulla schiena sia perfettamente comoda;
  • lo zaino, inoltre, cresce con il bambino: gli spallacci si lasciano regolare facilmente lungo le barre in alluminio in base alla statura del bambino (da 1 mt a 1,50 mt);
  • inoltre ogni zaino ergobag è dotato di ampie superfici in materiale rifrangente, che danno visibilità e sicurezza sulla strada, sia allo zaino che al bambino.

ergobag

Spesso, poi, alla zaino va aggiunta la sacca per lo sport: molti bimbi la mettono all’interno dello zaino (sopratutto se hanno quegli zaini che si allargano), o la legano in qualche modo allo zaino se non, peggio, la trascinano in qualche modo tenendola in mano.

ergobag ha pensato anche alla sacca sportiva, offrendone una perfettamente compatibile con lo zaino e con una predisposizione invisibile per agganciarla allo zaino, così da lasciare le braccia libere ai bambini o evitare che il carico del peso influisca in modo negativo sulla colonna vertebrale del nostro bambino.

Sono disponibili sul mercato diverse fantasie, tutte davvero molto carine, ma si sa che i nostri bambini amano personalizzare ulteriormente i loro zaini: ergobag ha pensato anche a questo! In particolare Nicolò ha scelto le Kletties dei pompieri, con anche quella con i led che si illuminano (se tornate alla foto in alto vedrete le sirene illuminate), ma in catalogo ce ne sono ben 20 set diversi. E se non siete ancora soddisfatti, o avete in casa dei piccoli artisti in erba, potete anche divertirvi a crearne voi una!

Se ancora non siete convinti (come noi) che questo zaino sia super, ecco l’ultimo particolare che lo rende perfetto: lo zaino è ottenuto dal riciclo di bottiglie di plastica PET, ed ergobag è membro della fondazione Fair Wear Foundation, il che significa che ad ergobag sta a cuore non solo l’ambiente, ma anche le condizioni sociali delle persone coinvolte sia nella produzione e che in tutta la catena di distribuzione dei loro prodotti.

All’inizio sono rimasta bloccata dal prezzo, di certo non è un particolare indifferente: in prima battuta avevo addirittura abbandonato l’idea di prenderlo. Poi ho riguardato tutti gli zaini che avevo preso in considerazione prima di scoprire ergobag e devo dire che non ci sono paragoni. Per quanto belli siano, nessuno ha le stesse attenzioni che ergobag ha usato per progettare lo zaino mettendo al centro la schiena dei nostri bambini e la sua salvaguardia attraverso pochi e semplici particolari, che lo rendono davvero unico nel suo genere.

Potete acquistare ergobag prime direttamente nello shop on line, oppure cercare il rivenditore più vicino a voi.

Post in collaborazione con ergobag