Pidocchi: la prevenzione impossibile

Ai bambini piace giocare vicini, spesso testa a testa, oppure leggere un libro insieme, sempre a contatto: questo favorisce il diffondersi naturale dei pidocchi.

Nonostante quello che sentiamo e leggiamo in giro, l’uso di prodotti “preventivi” non serve pressoché a nulla, se non facilitare la diffusione dei pidocchi, rendendo il cuoio capelluto più debole e i pidocchi più aggressivi.

Così come non sono utili gli insetticidi ambientali e non è necessario fare dei trattamenti agli animali domestici (i pidocchi si diffondo solo tra gli uomini). 

Sono conscia che la “paura” dei pidocchi sia tanta, e che se ci capitano.. sono una rogna non da poco sia in fatto di cura che di igiene della casa e di tutti i suoi abitanti, ma è anche importante sapere che attualmente non esiste nessuna prova che i prodotti in commercio siano efficaci.

L’unica certezza che si ha, è che l’applicazione di sostanze che uccidono i pidocchi a bambini che non sono infestati deve essere evitata assolutamente, perché è la prima causa del fallimento del trattamento antipidocchi. I semplici “shampoo antipidocchi” non sono efficaci da soli perché contengono dosi troppo basse di principio attivo e, restando a contatto con il cuoio capelluto per troppo poco tempo, possono facilitare le resistenze.

L’acchiappa-pidocchi: il rimedio infallibile 

Ecco il modo migliore per sbarazzarsi dei pidocchi, in caso di infestazione con  pochi insetti:

  • procurarsi un pettine a denti molto fini (0,3 mm parentesi);

  • pettinate i capelli bagnati con un pettine normale per sbarazzarsi di nodi e grovigli. Applicate un balsamo per rendere più facile l’uso del pettine a denti fini e “spulciate” i capelli, ciocca per ciocca, due volte per ogni ciocca, muovendo il pettine a denti fini dalla base alla punta dei capelli;
  • se trovate pidocchi, risciacquate il pettine sotto l’acqua corrente ed eliminate insetti e uova;
  • continuate a pettinare fino a quando tutti i capelli non sono stati passati attraverso il pettine due volte. A questo punto risciacquate il balsamo e asciugate i capelli;
  • ripetete questa operazione ogni tre o quattro giorni per eliminare i nuovi pidocchi eventualmente nati dopo la pettinatura precedente: l’obiettivo è rompere il ciclo vitale del pidocchio.

Dopo circa due settimane tutti i pidocchi dovrebbero essere stati rimossi, ma conviene continuare finché non trovate più nessun pidocchio (sia insetto che lendine) per due trattamenti di fila.

Il successo di  questo trattamento dipende da quanto ci si impegna nel farlo bene.

E se i pidocchi sono davvero tanti?

Se i pidocchi sono davvero tanti, si possono usare shampoo specifici, a base di  pesticidi come la Permetrina 1% o le Piretrine, nelle zone in cui non c’è ancora resistenza questi prodotti. In questo caso, perché il prodotto faccia davvero effetto, è necessario seguire in modo scrupoloso le istruzioni d’uso e rispettare il tempo di posa e la modalità di risciacquo.

Il Malathion 0,5% può essere usato solo nei bambini che hanno più di 2 anni di età: è un pesticida potente, ma tossico.

Anche se i pidocchi sopravvivono solo poche ore lontano dal cuoio capelluto, in caso di infestazione con numerosi insetti, può essere utile lavare tutto ciò che può essere lavato in lavatrice a temperature superiori a 60° C e chiude in un sacco di plastica per almeno 10 giorni tutto ciò che non può essere lavato. Ultimo: utilizzare l’aspirapolvere per divani e letti

Fonte dell’articolo: Ministero della Salute