Alla scoperta dell’esercito cinese di terracotta

L’esercito cinese di terracotta è una considerata l’ottava meraviglia del Mondo.. ma se vi dicessi che non bisogna arrivare fino in Cina per vederla?

guerriero cinese

san pietro in cerro

Fin da bambina ho avuto la fortuna di viaggiare molto: anche se non ne ho compreso il valore se non da adulta, questo mi ha reso una persona curiosa e con una insaziabile voglia di scoprire posti nuovi. Nella mia testa c’è un’infinita lista di posti e cose che vorrei vedere e che vorrei che i miei figli vedessero.

La Cina, ovviamente, è uno di questi. E insieme alla Grande Muraglia, alle sconfinate pianure, alle valli incantate, alle città infinite, l’esercito di terracotta è una delle cose che ho sempre sognato di vedere da vicino. Mi ha sempre colpito l’imponenza che queste statue trasmettevano, il senso di protezione, veglia, guardia. Ma anche rispetto e timore. E le avevo solo viste in foto!

L’esercito di terracotta è formato (si stima) da circa 6000/8000 soldati, ma ad oggi solo 500 circa sono stati riportati alla luce. La riproduzione delle statue è molto tutelata in Cina: solo pochissimi artigiani hanno l’avvallo del governo per costruire nuovi pezzi (o lavorare su quelli esistenti), proprio per evitare che si diffondano dei falsi.

esposizione italiana

castello in italia

Quindi, non vi nego che per poco non sono svenuta quando mi sono trovata ben 45 guerrieri Xi’An in terracotta (copie perfette degli originali autorizzate ed autenticate dal Governo Cinese) davanti agli occhi.

Il mini esercito è custodito al Castello di San Pietro in Cerro, a circa 20 km da Piacenza, grazie alla grande passione per l’arte di Franco Spaggiari, imprenditore e mecenate, che li ha trasformati in una installazione permanente all’interno delle cantine del maniero quattrocentesco. La mostra è visitabile la domenica e i festivi, da Marzo al 1 Novembre.

Vi assicuro che se già le statue in sé sono imponenti, la location le rende infinite. Le statue, essendo riproduzioni fedeli di alcune di quelle presenti in Cina, sono a grandezza naturale (saranno alte circa 180 cm) e decorate in ogni particolare. Le statue, oltre ad avere pose differenti e armi specifiche che corrispondono alla loro funzione nell’esercito, mostrano anche tratti fisionomici diversi fra loro: non esistono due statue uguali tra di loro. Ci si può camminare vicino, ma così vicino che ne è percepibile l’odore. Non si possono toccare – come è ovvio – ma si possono liberamente fotografare.

guerrieri cinesi in terracotta

Per tutte le informazioni e le prenotazione vi consiglio di visitare il sito ufficiale del Castello di San Pietro. Se volte passare il fine settimana in zona, noi abbiamo pernottato nella Locanda adiacente al Castello con la possibilità di usare liberamente tutto il prato del Castello senza problemi. E’ un posto davvero bellissimo.

Buona gita!

vacanza per due