Cosa regalare agli invitati di una festa di compleanno?

A scuola dai miei figli è uso, da parte del festeggiato, preparare dei sacchettini contenenti caramelle o un piccolo pensierino per i compagni.

Questa usanza nasce dal fatto che, nella maggior parte delle scuole, non è più concesso portare la classica torta da condividere con i compagni: questo non vuol dire che non si festeggi più, ma semplicemente che si è trovato un modo diverso di farlo, per permettere così a tutti – sia ai bambini con problemi alimentari che a quelli con restrizioni alimentari di origine religiosa – di vivere il momento della festa in serenità.

Alla scuola materna di Giacomo, ad esempio, fanno una corona al festeggiato e poi gli fanno soffiare le candeline su una torta finta, dopo avergli cantato una canzone. Alla scuola primaria di Nicolò, invece, cantano semplicemente la canzone poco prima dell’uscita da scuola e poi il festeggiato passa tra i compagni a distribuire i sacchetti e a ricevere gli auguri.

Quali ricordini scegliere per il compleanno del proprio bambino?

Siccome di dolci i bambini ne mangiano fin troppi e, quindi, non mi piace l’dea di fare i sacchettini con le caramelle, ho sempre cercato di metterci dentro cose diverse, dandomi come spesa massima 50/70 cent a bambino (anche se non sempre ci sono riuscita.. diciamo che dipende anche da quanti sono i bambini).

Ecco qualche idea originale ed economica, per riempire i schettini:

regalini invitati compleanno

I bigliettini li ho sempre fatti io, scrivendo giusto la data e il nome del bambino festeggiato, oltre agli anni che stava compiendo. Se non ve la sentite di farlo da soli, on line sono disponibili tantissimi PDF stampabili già pronti.

Nel caso do oggetti grandini, come ad esempio le bolle, ho legato il bigliettino con un nastrino al tappo. Per oggetti più piccoli, ho preso dei sacchetti trasparenti oppure in organza e ne li ho confezionati ad hoc per la festa.

Vi consiglio di cominciare a preparare i sacchettini con qualche giorno di anticipo, perché il lavoro è piuttosto lungo, sopratutto se fate voi tutto, dal bigliettino al confezionamento.

L’articolo contiene link affiliati