Fratelli e sorelle in camera: insieme o divisi?

Nella nostra casa, lo spazio non manca.. tranne che per quello che riguarda le camere!

Ne abbiamo due più un piccolo studio che è al limite come metratura per l’abitabilità e la domanda: “ma Margherita poi dove la metti a dormire?” è un tormentone che mi perseguita da quando la piccola era ancora nella pancia.

Così mi sono interrogata tanto su quali sono i bisogni dei bambini e come poterli gestire al meglio:

  • i bambini non amano stare soli: i nostri cari piccoli cuccioli di casa, almeno finché non arrivano alle porte dell’adolescenza, non vogliono stare da soli in camera,
  • i bambini non hanno il senso del pudore: anche qui, fino ad una certa età (che più o meno corrisponde con la pubertà) i bambini si spogliano davanti agli altri membri della famiglia senza problemi,
  • i bambini, spesso, hanno paura del buio: a casa nostra, fosse per loro, dormirebbero con la luce accesa. Abbiamo trovato il compromesso mettendo una di quelle lucine notturne ma, nonostante questo, gli avvistamenti di mostri alla Calvin e Hobbs non mancano,
  • i bambini hanno bisogno di un loro spazio personale: è giusto che ognuno, anche nella massima condivisione possibile, conservi uno spazio proprio dove mettere le cose che non vuole condividere,
  • i bambini amano stare tra bambini: a casa nostra (come nella maggior parte delle case) i bambini sono tutti, sempre, nella stessa stanza. Se uno si sposta, in capo a tre minuti, anche gli altri lo seguono a ruota (bagno incluso).

Cameretta condivisa tra fratelli: si o no?

Messe nero su bianco tutte le nostre perplessità, abbiamo capito che la soluzione giusta per noi, almeno per i prossimi 6 o 7 anni, era quella di mettere tutti i bambini a dormire nella stessa stanza.

Una volta capito che un’unica camera per tutti era la risposta giusta alle nostre domande, è arrivato il momento di mettere mano alla loro stanza, per renderla uno spazio idoneo per tutti. Le opzioni che ci si aprivano, quindi, erano due: o rifacevamo tutto o trovavamo una soluzione di compromesso.

All’inizio siamo stati pervasi da un incredibile ottimismo e abbiamo detto “rifacciamo tutto!” Ma al secondo mobiliere che giravamo, per farci fare un progetto, abbiamo optato per una soluzione di compromesso.

Così abbiamo tenuto l’armadio che già c’era in camera – che è abbastanza ampio per tutti e tre – e la libreria. Abbiamo tolto i due lettini e abbiamo messo un ampio letto a castello (è largo 90 cm anziché 80, vi giuro, è una cosa fantastica!) e sistemato un terzo letto in camera (che magari non sarà quello definitivo ma per ora è funzionale) trasformandolo, con qualche cuscino, in un divano. Per i due fratelloni abbiamo anche preso due scrivanie, con annesso mobiletto.

Visto che mobili della stanza sono per lo più bianchi, con dei richiami blu in alcuni particolari, abbiamo cercato di dare un ulteriore tocco di colore con le lenzuola, ma il risultato non ci lasciava del tutto soddisfatti.. mancava ancora qualcosa.. era carina ma ancora impersonale.

Così ho cominciato a navigare alla ricerca di idee per rendere la stanza più colorata e a misura di bambino, ma sopratutto ho cercato qualcosa che la “riempisse” senza esagerare, senza dargli un tema netto e con la possibilità di rivedere la cosa senza diventare matti.

idee decorazioni camerata

Come decorare la camera da letto?

Tra i tanti siti e le tante idee che ho vagliato, alla fine ho optato per le decorazioni murali Stickerkid a forma di stella, così da ricreare un’intera parete stellata proprio di fronte al loro letto. E all’ingresso, sulla porta, ho messo gli adesivi per camerette.

Ammetto che rispetto ad altri proposte sono un pochino più cari, ma io per prima sono rimasta colpita dalla qualità del materiale con cui sono fatti: la sensazione è quella di avere tra le mani un materiale che si avvicina più alla stoffa che alla classica plastica con cui sono fatti gli adesivi murali che si trovano in commercio. Inoltre sono modellabili e adattabili a tutte le superfici: li abbiamo messi sia sul muro grezzo che su parti in legno e hanno aderito benissimo ad entrambe le superfici. Gli adesivi si possono rimuovere con facilità e si possono poi riattaccare senza problemi (ad esempio se si vuole ridipingere la parete della camera si possono rimuovere gli adesivi, riattaccare al foglio di arrivo e poi riattaccarli un’altra volta, anche dopo mesi).

decorare cameretta bambini

Se avete in mente di decorare la cameretta dei vostri bimbi, potete usare il codice GINABARILLA per acquistare gli adesivi da camera o quelli murali sul sito Stickerkid con il 10% di sconto.